Pubblicato in: Politica, Riflessioni esistenziali

Congresso di Verona: Ecce CNOP!

“Mi si nota di meno se scrivo una nota e me ne sto in disparte o se non scrivo proprio?”

In una sorta di sindrome di Ecce Bombo al contrario, alla fine sul congresso sulle famiglie di Verona il CNOP ci regala un topolino senza infamia e senza lode.

Ma in fondo c’è quasi da fare un sospiro di sollievo…

Continua a leggere “Congresso di Verona: Ecce CNOP!”

Pubblicato in: Formazione, Iniziative

Ti interessa la terapia online? A Bologna due appuntamenti per te.

Un’intensa due giorni a BOLOGNA in cui parlerò di counseling e psicoterapia online, il tutto in due giornate di studio gratuite!

  • 8 MARZO: dalle 15,30 alle 18,30 sarò ospite degli amici di AltraPsicologia Emilia-Romagna. Parlerò di come è cambiato il rapporto tra l’uomo e la macchina, come siamo passati da un approccio funzionale a uno relazionale, come si sta sviluppando la domanda di psicologia su internet e come gli psicologi possono dare risposte di qualità ai diversi tipi di esigenze. 
    L’appuntamento è in Via Ottaviano Mascherino 8 – Bologna.
    Evento è gratuito, occorre prenotarsi qui > https://bit.ly/2GRUays
  • 9 MARZO: Giornata di studio “Metodologia, processi e valutazione: percorsi nella ricerca sistemica”, organizzato dalla Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale (SIPPR) in collaborazione con il Centro Bolognese di Terapia della Famiglia. La giornata sarà ricca di interventi ( questo il programma completo: http://www.terapiafamiliare.org/?p=1389 ). Intorno alle 17 io parlerò di “Consulenza e terapia online: oltre le abitudini”, in particolare mi concentrerò sul tema del setting liquido, della deontologia, della tecnica e della pratica nel lavoro psicologico online. 
    Anche la giornata di studio è gratuita, occorre prenotarsi scrivendo alla segreteria: giornataricercaSIPPR.CBTF@gmail.com

 

Se vuoi restare aggiornato sui prossimi articoli e ricevere materiali esclusivi per svolgere al meglio la tua professione, iscriviti alla newsletter 🙂
(leggi qui l’informativa sul trattamento dei tuoi dati)

Pubblicato in: Vale la pena

E’ morto Adriano Ossicini, padre della Legge 56/89

– Professor Ossicini, qual è la lezione che si può trarre dalla sua storia?

CERCARE DI STARE DALLA PARTE GIUSTA.

Il 15 Febbraio 2019 ci ha lasciati Adriano Ossicini, il principale promotore della Legge 56/89 che ha riconosciuto la professione di psicologo in Italia.
Fu un’operazione di delicata mediazione, con la politica in generale e con i medici, preoccupati di non voler cedere terreno sulla diagnosi e il trattamento.
Sostenne la sua idea di avere una professione di psicologo in Italia attraverso la qualità: portava in parlamento Musatti, Bollea, Basaglia.

Di fronte a dei tecnici di altissimo valore, i parlamentari si dovevano arrendere.

[parole che proprio in questi giorni di figuracce col Senato, fanno sorridere molto amaramente ].

Ma c’è un’altra parte di storia nella vita di Adriano Ossicini, che secondo me dice molto di più di quanto non possa dire quella delicata operazione politica.
E’ la storia legata al suo essere medico e membro della Resistenza, quella legata alla vicenda del fantomatico Morbo K, una malattia inventata per ricoverare gli ebrei al Fatebenefratelli e sottrarli ai fascisti (“servitorelli sciocchi e vergognosi”) e ai nazisti.
Una storia che spiega come per Ossicini innanzitutto bisognasse agire per cercare di stare dalla parte giusta, per ideali e non per comodo. E mi piace pensare sia questo spirito, quello da cui origina la nostra professione nel nostro Paese.

(qui un’intervista dove Ossicini racconta la storia del Morbo K).