Pubblicato in: Formazione, Libero Professionista

ECM delle mie brame, chi è il più confuso del reame?

Risultati immagini per gatto di schroedinger
Risolto il paradosso del gatto, resta inevaso quello degli ECM, che per alcuni sono contemporaneamente obbligatori e non obbligatori per tutti gli psicologi.

Questo Dicembre termina il triennio per la raccolta punti i crediti ECM.

Per chi è obbligato a raccoglierli, naturalmente.

Ma chi è obbligato?

Continua a leggere “ECM delle mie brame, chi è il più confuso del reame?”

Pubblicato in: Riflessioni esistenziali

Diventare psicologo: uno su due non ce la fa.

auguri-2017

Uno su due non ce la fa.

Schiaffeggio così la platea durante gli eventi dove illustro gli scenari professionali.

Significa che se hai studiato con un amico, o tu o lui ben presto vi troverete a dover fare i conti con la frustrazione di non veder realizzato il proposito di fare lo psicologo.

E quello di voi due che ce la fa, ne ha di strada davanti per arrivare a costruirsi un reddito in grado di sostenerlo dignitosamente in un progetto di vita che, magari, prima o poi, vorrà coinvolgere altre persone.

Continua a leggere “Diventare psicologo: uno su due non ce la fa.”

Pubblicato in: ENPAP, Formazione, Iniziative, Libero Professionista, promozione professionale, Vale la pena

Psicologi: libera professione, associazionismo e imprenditorialità

cop-lucca

Segnalo ai colleghi un bell’appuntamento a LUCCA per il 19 Novembre.

Sarò ospite, insieme a Chiara Santi, del CDA di ENPAP, dell’Associazione A.C.C.A. Lucca Onlus e della rete Psivernet per un convegno sulla libera professione, l’associazionismo e l’imprenditoria.

Parleremo di strumenti e strategie concrete per tutti gli psicologi che si trovano a sviluppare il proprio progetto professionale e/o imprenditoriale.

Evento gratuito!
Clicca qui per le prenotazioni

Info & contatti: pamasca@tin.it

PROGRAMMA

lucca-def

Pubblicato in: Riflessioni esistenziali, tutela, Vale la pena

Terremoto: contro il business della psiche.

aquila

Eh no, io non ridevo quel 6 aprile: stavo fortunatamente nel mio letto dopo essermi lasciata L’Aquila alle spalle 5 ore prima.
Dormivo e il letto ballò sulle sue ruotine incassate sotto il mobile a ponte.
Ma ero stanchissima per quel week end di studio e il viaggio, così tornai rapidamente ad assopirmi.
E’ cronaca che mentre io facevo queste cose, qualcun altro nel suo letto rideva: erano quelli che si fregavano le mani sul business della ricostruzione.

Continua a leggere “Terremoto: contro il business della psiche.”