Pubblicato in: Politica professionale, tutela

CNOP e counselor: siamo tutti d’accordo?

In questi giorni stiamo leggendo prese di posizione nettissime da parte del CNOP sul tema del counseling. Parole inequivocabili, che fanno davvero ben sperare sull’ormai prossima fine di questa pessima abitudine degli psicologi di formare non psicologi a fare abusivamente la nostra professione.

La tutela, infatti, investe la comunità degli psicologi attraverso l’azione individuale dei singoli professionisti e attraverso l’azione collettiva delle nostre istituzioni, e riguarda un diritto costituzionale: LA SALUTE.

E’ da quasi 15 anni che AltraPsicologia pone il tema della tutela della salute pubblica, i cui aspetti psicologici non possono essere lasciati in mano a persone senza adeguata preparazione. 

In queste ultime settimane, sollecitato da una serie di eventi, abbiamo scoperto che il CNOP ha una posizione netta sulla tutela: i counselor non esistono e il counseling è dello psicologo. 

Sono uscite importantissime: dopo anni di posizioni fumose, dichiarazioni cerchiobottiste di alcuni Presidenti, di ambiguità, finalmente abbiamo sgomberato il campo da qualsiasi dubbio.

Non resta che dar seguito alle parole, anche perché in questi quattro anni le cose non sono mai state così chiare e qualche dubbio a noi più cinici potrebbe restare se dovesse passare troppo tempo tra le parole e le azioni concrete… 

Continua a leggere “CNOP e counselor: siamo tutti d’accordo?”

Annunci
Pubblicato in: Formazione, Libero Professionista

ECM delle mie brame, chi è il più confuso del reame?

Risultati immagini per gatto di schroedinger
Risolto il paradosso del gatto, resta inevaso quello degli ECM, che per alcuni sono contemporaneamente obbligatori e non obbligatori per tutti gli psicologi.

Questo Dicembre termina il triennio per la raccolta punti i crediti ECM.

Per chi è obbligato a raccoglierli, naturalmente.

Ma chi è obbligato?

Continua a leggere “ECM delle mie brame, chi è il più confuso del reame?”

Pubblicato in: Libero Professionista

Obbligo Tessera Sanitaria anche per gli psicologi

ashley-benson-lucy-hale-troian-bellisario
Sai tenere un segreto?

E’ ufficiale: adesso anche gli psicologi hanno l’obbligo di trasmettere i dati dei propri pazienti all’Agenzia delle Entrate tramite il Sistema Tessera Sanitaria (leggi l’approfondimento di Federico Zanon).

Cos’è il Sistema Tessera Sanitaria. E’ in vigore dal 1 Gennaio 2016 e fino al 13 Settembre ha riguardato solo i medici, i quali erano già obbligati a trasmettere i dati fiscali dei propri pazienti per fare in modo che l’Agenzia delle Entrate potesse predisporre il 730 precompilato per i soggetti aventi diritto.

L’ennesima rogna burocratica che lascia molte perplessità all’intrusività dello Stato nella libertà e nella privacy dei nostri pazienti.

Continua a leggere “Obbligo Tessera Sanitaria anche per gli psicologi”

Pubblicato in: Politica professionale, tutela

La laurea in psicologia è inutile: è l’ora della sanatoria.

sanatoria psicologi
…non mi iscrivevo a psicologia.

Sanatoria: il Voldemort della psicologia.

La parola che non si può pronunciare; solo pochi temerari, me compresa, osavano sussurrarla con timore pensando a una certa aria che si sentiva tirare nei corridoi bui e chiusi di certa politica professionale.


Si tratta al momento solo di una proposta,
ma il 24 Marzo il vaso di pandora è stato aperto e finalmente le carte si sono scoperte:
invece di trattare chi fa lo psicologo senza titolo come un abusivo, si propone un “conguaglio”.

Continua a leggere “La laurea in psicologia è inutile: è l’ora della sanatoria.”

Pubblicato in: Politica professionale

La zappa sui piedi degli psicologi?

download
Se ci pensate, in quanto ad autolesionismo non siamo affatto secondi al PD

E’ di questi giorni un certo entusiasmo per un articolo di QuotidianoSanità che annuncia come ormai imminente il riconoscimento definitivo dello psicologo come professione sanitaria.

Qui l’articolo:

Psicologi. De Biasi (PD): “A breve Ddl Lorenzin tornerà in commissione. Sì a riconoscimento come professione sanitaria

Immagino che l’entusiasmo dei colleghi derivi soprattutto dalla lettura di frasi come questa:

Il riconoscimento della vostra professione nell’ambito sanitario darà una mano al vostro pieno coinvolgimento nel sistema sanitario nazionale, negli standard ospedalieri, ma più in generale nell’applicazione del Patto per la Salute che prevede un diverso equilibrio fra ospedale e territorio, e dunque un diverso coinvolgimento, presumo più cogente, della vostra professione.

Continua a leggere “La zappa sui piedi degli psicologi?”