Pubblicato in: Libero Professionista, Politica, Politica professionale, Riflessioni esistenziali, Tirocinio

Psicologi: basta lavorare gratuitamente!

theIllusionist
E’ il gioco di prestigio più riuscito: si scrive “volontariato”, si legge “lavoro gratuito”.

Per me oggi è la giornata nazionale delle parole che si scrivono in un modo e si leggono in un altro.

La parola “volontariato” è la più rappresentativa.

Tu metti in fila le lettere correttamente, ma non stai parlando di quel nobilissimo atto in cui una persona presta il proprio tempo e a volte pure competenza per il prossimo.

Stai molto più frequentemente parlando della tua presenza essenziale in un reparto, servizio, Asl per permettere il regolare svolgimento delle attività. E quello si chiama “LAVORO” .

Oppure stai parlando del fatto che frequenti un reparto perché senti che la tua preparazione è incompleta e devi fare esperienza. E quello si chiama “TIROCINIO”.

Continua a leggere “Psicologi: basta lavorare gratuitamente!”

Annunci
Pubblicato in: Esame di stato (Eds), Formazione, promozione professionale, Tirocinio

Tirocinio post-lauream: quali diritti, quali doveri?

10615522_753472678101914_8953216258475266373_n
Fonte: Coordinamento Psicologi Tirocinanti

Il tirocinio post lauream è un momento fondamentale per la crescita professionale del futuro psicologo.
Per questa ragione chi propone semplicemente la sua riduzione a 6 mesi invece degli attuali 12 guarda il dito e non la luna. Ciò su cui bisogna insistere è la qualità della formazione cui abbiamo diritto e che dobbiamo pretendere, prima ancora che la quantità. 

Se una cosa non funziona per 12 mesi, non si capisce come possa funzionare per 6.

Ma poi è così vero che questo tirocinio post laurea non funziona?

Continua a leggere “Tirocinio post-lauream: quali diritti, quali doveri?”