Pubblicato in: Libero Professionista, Politica, Politica professionale, Riflessioni esistenziali, Tirocinio

Psicologi: basta lavorare gratuitamente!

theIllusionist
E’ il gioco di prestigio più riuscito: si scrive “volontariato”, si legge “lavoro gratuito”.

Per me oggi è la giornata nazionale delle parole che si scrivono in un modo e si leggono in un altro.

La parola “volontariato” è la più rappresentativa.

Tu metti in fila le lettere correttamente, ma non stai parlando di quel nobilissimo atto in cui una persona presta il proprio tempo e a volte pure competenza per il prossimo.

Stai molto più frequentemente parlando della tua presenza essenziale in un reparto, servizio, Asl per permettere il regolare svolgimento delle attività. E quello si chiama “LAVORO” .

Oppure stai parlando del fatto che frequenti un reparto perché senti che la tua preparazione è incompleta e devi fare esperienza. E quello si chiama “TIROCINIO”.

giornata-mondiale-volontariato

Oggi è la giornata internazionale del Volontariato.

L’ho scoperto mentre preparavo il caffè, con il televisore sintonizzato su RaiNews: il capo dello Stato Italiano ringraziava tutti i volontari della penisola per il loro lavoro.

Ma i volontari NON DEVONO LAVORARE.

Accostare le parole “volontariato” e “lavoro” dovrebbe essere vietato per legge.

I volontari non devono nemmeno imparare o fare esperienza formativa.
I volontari si possono sacrificare, si possono impegnare, possono donare il loro tempo all’altro, ma NON DEVONO LAVORARE.

Il lavoro è una prestazione RETRIBUITA.
Quando questa prestazione è sottopagata E’ SFRUTTAMENTO.
Quando questa prestazione è gratuita non diventa per magia “volontariato”: è “SFRUTTAMENTO LIVELLO SUPERSAYAN”.

Al riguardo tra gli psicologi mi pare ci sia un po’ di confusione.

Ci si lamenta di non avere la retribuzione per il tirocinio (che è un momento formativo ed è obbligatorio), ma poi si resta nelle stesse strutture A LAVORARE GRATUITAMENTE come volontari (ossia di propria spontanea volontà) anche per anni, nella speranza, più o meno implicita, che questo prima o poi apra qualche spiraglio.

gratis
Personalmente più che sbattere i pugni contro i mulini a vento perché non ci vengono retribuite le 200 ore circa all’anno di tirocinio di specializzazione, andrei a prendere per le orecchie tutti quei colleghi che lavorando gratuitamente tengono in piedi interi reparti e servizi.

Chi di noi pagherebbe un servizio se sapesse di poterlo avere gratuitamente, soprattutto in tempi di crisi?
Perché mai al SSN dovrebbe mai saltare in mente di fare massicci inserimenti di psicologi nelle strutture, quando le strutture di fatto GIA’ pullulano di psicologi volontari che lavorano gratis?

Chiariamo: non voglio buttare la croce addosso alle scelte personali di alcuno, solo ristabilire una verità da Treccani.

12112076_10206594021761990_5266386861260838637_n

Lavoro e volontariato non sono termini interscambiabili.

Nemmeno visibilità e retribuzione sono parole che possono essere usate l’una in sostituzione dell’altra.


Dobbiamo smetterla di cadere in questi fumosi tranelli: è in questi equivoci semantici che mettono radici insoddisfazione, frustrazione, isolamento.

Soprattutto è in questa nebbia che si annullano le relazioni, la responsabilità, il nostro senso di comunità, professionale e umana.

Annunci

4 pensieri riguardo “Psicologi: basta lavorare gratuitamente!

  1. Condivido l’intento dell’articolo, però per quanto possa essere vero nell’ambito del lavoro di psicologo, ci sono tantissimi lavori di volontariato che richiedono una formazione preliminare (basta che pensiate ai volontari delle ONLUS come la Pubblica Assistenza che spesso sono volontari al servizio del 118 e pronti a intervenire in casi di emergenza).

    Diciamo che più che la verità da Treccani, visto che sul volontariato ci sarebbe moltissimo da dire e poco da fare riduzionismo, è vero che c’è indubbiamente un fallimento nel modo in cui la categoria professionale dello psicologo si pone nei confronti del mondo del lavoro.
    E uno di questi è caratterizzato da questi tentativi (giustissimo il discorso sulla visibilità, molti cercano anche di fare mini-colloqui su Internet per mostrarsi e sperare che poi qualcuno li paghi per i colloqui veri e propri.. un’assurdità e soprattutto una zappa sui piedi, oltre che un fango gratuito su quello che sono le prestazioni psicologiche di aiuto).

    1. Salve Lorenzo,
      Il senso dell’articolo non era svalutare né ridurre il senso dell’impegno dei volontari, né la competenza che richiedono certi interventi, ma proprio sottolineare l’aspetto confusivo per cui il lavoro può essere volontario o formativo.
      Questo impedisce oltre al riconoscimento dei diritti di un lavoratore, anche l’emersione di determinate problematiche.
      Il volontariato sembra un tampone a tutto: il tirocinio non va? Faccio il volontariato.
      Non ci sono concorsi? Cerco di guadagnarmi un credito di “fedeltà” o “visibilità” in questo o quel reparto.
      Credo che se iniziamo a riappropriarci della profondità del significato di “lavoro” e “volontariato” riusciamo a mettere quel punto di partenza anche per capire per quali diritti e quali doveri dobbiamo impegnarci

  2. Ciao Ada,
    sono un collega torinese e di recente ho letto i tuoi articoli su questo blog. Vorrei farti i complimenti sia per le tematiche che affronti che per lo stile, ironico ma non irrispettoso, nei confronti di certi “tasti dolenti” del nostro ambiente (il mercato della formazione, i crediti ECM, i meriti e demeriti delle facoltà di psicologia..). Ogni tanto è rinfrescante, oltre che utile, chiamare le cose con il loro nome e poter uscire da quel clima di vassallaggio e ossequiosità che a volte inconsapevolmente ci rendiamo conto di aver interiorizzato nei confronti di altre figure professionali (o di percorsi formativi che consideriamo come immutabili e indispensabili).
    Un caro saluto e buon lavoro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...